Come accatastare un immobile - CatastoSemplice.it
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Come accatastare un immobile: tutto quello che c'è da sapere

  1. Home
  2. Guide
  3. Come accatastare un immobile: tutto quello che c'è da sapere

Come accatastare un immobile: tutto quello che c'è da sapere

L’accatastamento immobili è quel processo atto ad identificare un fabbricato, evidenziandone i dati di base e la rendita fiscale. Tale procedimento permette quindi di elaborare un documento utile al calcolo delle tasse sull’immobile, ma anche per determinarne l’agibilità e l’abitabilità. È necessario accatastare un fabbricato ogni qualvolta si effettuano delle ristrutturazioni, degli ampliamenti, dei restauri, dei cambi di destinazione d’uso o dei frazionamenti di strutture esistenti, oltre che quando si costruiscono nuovi immobili. In quest’ultimo caso, ovvero per l’accatastamento di fabbricati per nuova costruzione, si tratta semplicemente di un censimento della proprietà. Questo passaggio è indispensabile, poiché permette di attribuire un valore fiscale al bene. Infine, accatastare un immobile significa anche determinare la categoria di appartenenza delle unità immobiliari presenti. Servizio che non solo si rivolge alle nuove costruzioni, ma anche ai proprietari di immobili in ristrutturazione o altre tipologie che non hanno mai denunciato al Catasto la propria unità.

Ho bisogno di accatastare un immobile: come posso fare?

Se sei in fase di ristrutturazione o stai costruendo un nuovo immobile e hai bisogno di procedere con l’accatastamento, ecco le diverse fasi necessarie al corretto procedimento:

  • prima di tutto è necessario redigere la planimetria delle unità immobiliari;
  • in secondo luogo bisogna compilare una serie di modelli, mediante il programma ministeriale denominato DOCFA (Documento Catasto Fabbricati), il quale permette di attribuire o aggiornare la rendita catastale all’immobile.

Nel caso specifico di una nuova costruzione, la pratica dovrà essere fatta prima di tutto al Catasto Terreni, partendo dal mappale e portando a termine l’aggiornamento e l’inserimento all’interno della mappa catastale del fabbricato. Una volta effettuata la pratica DOCFA ed ottenuta l’approvazione e la relativa ricevuta, si otterranno gli identificativi catastali quali foglio, numero o particella e subalterno, ma anche la rendita dell’unità immobiliare. Nonostante il tutto abbia una decorrenza immediata, l’Amministrazione Finanziaria ha comunque tempo 12 mesi per accertare, variare e / o confermare l’accatastamento proposto. Tutte le eventuali modifiche, ovviamente, dovranno essere obbligatoriamente notificate ai proprietari dell’immobile.

Catasto Semplice può aiutarti ad accatastare un immobile in maniera semplice e veloce

Hai realizzato un box auto e desideri accatastarlo? Oppure vuoi eliminare dalla banca dati catastali un fabbricato diruto? Per queste specifiche casistiche, ma anche qualora vi sia la necessità di variare un immobile, regolarizzare un fabbricato non ancora censito o in caso di nuova costruzione, noi da Catasto Semplice abbiamo la soluzione giusta per te. In soli otto giorni lavorativi ti aiuteremo ad accatastare il tuo immobile, risparmiando a te code chilometriche presso l’Agenzia delle Entrate e garantendo un buon fine della pratica.

Scopri di più sul nostro servizio di accatastamento.  

Condividi sui social: