Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nuova visura catastale: tutte le novità

  1. Home
  2. Guide
  3. Nuova visura catastale: tutte le novità

Nuova visura catastale: tutte le novità

Debutta la nuova visura catastale richiedibile e scaricabile dalla nuova piattaforma telematica dell’Agenzia delle Entrate SIT (Sistema Integrato del Territorio). 

A partire dal 1 febbraio 2021, infatti, la visura catastale cambia ‘faccia’ e il restyling non è solo formale, ma anche sostanziale poiché nella sua nuova veste la visura telematica sarà più semplice da consultare anche per chi non è del campo e le informazioni in essa contenute saranno organizzate in maniera più razionale e funzionale così da rendere più agevole la lettura dei dati, nonché delle variazioni di stato intervenute nel corso degli anni. 

La necessità di una nuova visura telematica è sorta come conseguenza dell'accorpamento delle banche dati catastali e cartografiche e dall’esigenza di semplificare questo importante strumento.

Tutti i cittadini e i professioni possono accedere alla piattaforma SIT dell’Agenzia delle Entrate da cui è possibile richiedere sia visure attuali, sia di tipo storico e, tra le novità del nuovo sistema anche il fatto che i cittadini potranno presentare in maniera autonoma istanza di voltura per successione. 

Vediamo allora cosa cambia con la nuova visura catastale online e quali novità dovremo attenderci nei prossimi mesi, quando le novità si estenderanno a tutto il paese.

 

La nuova visura catastale e la piattaforma sit: cosa cambia?

 

Le prime novità riguardano la struttura del documento e la ratio con cui sono state organizzate le informazioni e i dati in esso contenuti, così da favorire una più immediata comprensione del testo. Il nuovo modello di visura è, infatti, diviso in sezioni ciascuna colorata con un colore diverso per facilitare la distinzione. 

Per agevolare la comprensione dei dati, inoltre, sono state introdotte anche delle legende che servono a chiarire il significato di alcuni dei dati riportati sul documento catastale. Ecco in sintesi le diverse sezioni:

 

 

Ogni sezione, a sua volta, è stata organizzata in due colonne distinte. Nella colonna a sinistra sono presenti le informazioni censuarie, mentre in quella a destra sono riportate la causale di aggiornamento e le annotazioni per ciascun dato riportato in sezione. 

Per facilitare ulteriormente la consultazione, nella nuova visura catastale sul SIT dell’Agenzia delle Entrate sono stati introdotti anche nuovi simboli grafici che indicano le diverse sezioni della visura. Ci sarà ad esempio un albero per indicare il Catasto dei Terreni, mentre una casetta indicherà invece il Catasto dei Fabbricati. 

 

QUALI VISURE ATTUALI SI POSSONO RICHIEDERE?

 

Tramite Sit è possibile richiedere sia visure attuali sia visure storiche. Per quanto concerne le prime, si potranno richiedere:

  • visure per soggetto, ovvero, riportanti i dati catastali relativi ad un soggetto intestatario di un immobile o di un terreno;

  • per immobile, ovvero, riportanti le informazioni catastali relative ad un immobile;

  • visure per immobile di catasto terreni, ovvero, informazioni relative ad un immobile rurale.

Per quanto concerne le visure storiche, si possono richiedere:

  • visure storiche per soggetto, ovvero, la situazione catastale di un soggetto intestatario di immobili e/o terreni nel corso degli anni;

  • visure storiche per immobile, ovvero, la situazione catastale negli anni di un immobile.

 

La visura cambia veste, ma, non cambiano i modi per richiederla. La nuova visura catastale potrà come sempre essere richiesta e scaricata in via telematica direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate. Potrà essere richiesta recandosi agli sportelli dell’ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente per territorio. Terza opzione sarà possibile rivolgersi ad una società specializzata nel disbrigo di pratiche burocratiche che si occuperà di effettuare la richiesta e di inviarvi la visura direttamente sulla vostra casella di posta elettronica. Il costo della nuova visura catastale come sempre sarà il frutto della somma dei tributi e delle imposte di bollo richieste per l’espletamento della pratica.

 

Condividi sui social: