Mappa catastale o planimetria catastale? Scopriamo le differenze - CatastoSemplice.it
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mappa catastale o planimetria catastale? Scopriamo le differenze

  1. Home
  2. Guide
  3. Mappa catastale o planimetria catastale? Scopriamo le differenze

Mappa catastale o planimetria catastale? Scopriamo le differenze

All’interno del Catasto sono registrati tutti i fabbricati, terreni e beni immobili presenti nel territorio dello Stato italiano. Ogni cittadino può accedervi, anche tramite il nostro servizio online, ed ottenere i documenti necessari a scoprire informazioni specifiche su un immobile od un terreno. Tra queste troviamo la mappa catastale, altresì nota come estratto di mappa, e la planimetria catastale, due dati spesso confusi tra loro e sui cui è necessario fare chiarezza.

 

La mappa o estratto di mappa catastale

Come anticipato nel paragrafo precedente, la mappa catastale non è sinonimo di planimetria. Piuttosto si tratta della mappa terreni, ovvero quel documento in cui sono indicati il foglio ed i mappali sui quali è presente un’unità immobiliare censita dal Catasto Terreni. In pratica, grazie alla mappa catastale possiamo identificare precisamente dov’è ubicato un fabbricato agricolo o un terreno, quali sono i suoi confini, la forma e l’orientamento. Come si può evincere dal termine stesso (mappa), ci troviamo di fronte ad una rappresentazione grafica, in genere in scala 1:2000, che mostra gli edifici ed i terreni presenti su una data porzione di territorio, oltre che i numeri delle particelle. Nell’estratto di mappa sono inoltre presenti:

  • i confini e le modalità di accesso;
  • dati anagrafici dei soggetti proprietari e le quote di possesso;
  • il numero della particella di cui è stato richiesto l’estratto di mappa;
  • i dati di una particella censita nel Catasto terreni, relativa alla cartografia e ai punti fiduciali, nel raggio di 1.000 metri;
  • l’ubicazione esatta della particella, come risulta dal rilievo topografico depositato in Catasto;
  • la rappresentazione grafica dei fabbricati censiti, compresi quelli tra loro legati (uniti da un simbolo denominato Graffetta); fabbricati legati poiché composti da un piano terra ed uno scantinato (uniti dalla Graffetta ad osso); e ancora i piani cantinati il cui ingombro fuoriesce dall'ingombro a piano terra del fabbricato in elevazione (sottilineati da linee trattinate); fabbricati che sono stati oggetto di introduzione in mappa con tipo mappale, per nuovo accatastamento o per ampliamento di fabbricato di Modesta Entità (evidenziati da una retinatura a mattoni); strade pubbliche, punti trigonometrici, fabbricati non dichiarati e, infine, corsi d’acqua.

L’estratto di mappa può essere richiesto da qualsiasi privato cittadino, mediante professionisti abilitati o online, a fronte, per esempio, della stipula di un atto notarile di compravendita o mutuo bancario, ma anche nel caso sia necessario disporre dei documenti necessari alla certificazione energetica.

La planimetria catastale

Come la mappa, anche la planimetria catastale altro non è che una rappresentazione grafica. In questo caso, però, si tratta di unità immobiliari registrate al Catasto dei Fabbricati, quindi di un disegno tecnico in genere con scala 1:200 o 1:100. Dalla planimetria catastale è possibile verificare la suddivisione interna di un’unità immobiliare, la destinazione dei locali, i dati metrici ed altre informazioni. In pratica, la planimetria catastale altro non è che la piantina di un immobile, valida finché non viene depositata una versione aggiornata presso l’Agenzia delle Entrate data da modifiche strutturali quali. per esempio. la creazione di un nuovo locale o la modifica di destinazione d’uso di quelli presenti. 

Per questione di privacy, solo i titolari di immobili, anche per quota, possono richiedere la planimetria catastale della propria casa. Per ottenerla è sufficiente recarsi presso gli Uffici Provinciali del Territorio dell’Agenzia delle Entrate oppure online, attraverso professionisti abilitati alla richiesta telematica della documentazione. Usufruire di un servizio online per richiedere la planimetria catastale (o la mappa catastale) è certamente vantaggioso, in quanto consente di evitare file interminabili agli uffici del Catasto e di ricevere quanto richiesto comodamente in casella di posta. 

Scopri i nostri servizi catastali online!

Condividi sui social: