Le 5 sezioni chiave di una Planimetria Catastale
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Le 5 sezioni chiave di una Planimetria Catastale

  1. Home
  2. Guide
  3. Le 5 sezioni chiave di una Planimetria Catastale

Le 5 sezioni chiave di una Planimetria Catastale

Complice la ormai consolidata crisi del settore edilizio, sempre più persone optano per ristrutturare vecchie o più recenti abitazioni per adattarle alle proprie necessità a costi decisamente inferiori al nuovo.

Uno dei documenti fondamentali da procurare per iniziare correttamente una pratica di ristrutturazione è la Planimetria Catastale.

Spesso si sottovalutano le tante informazioni contenute nella Planimetria Catastale e ci si ritrova di conseguenza a dover rinviare l’inizio dei lavori di ristrutturazione per correggere gli errori trovati.

E tu, che ti accingi a ristrutturare casa, sei sicuro di sapere leggere ed interpretare correttamente la Planimetria Catastale?

Se non sei sicuro, te lo spieghiamo noi.

Possiamo dividere la Planimetria Catastale in 5 sezioni chiave (guarda un esempio qui), alcune importanti, altre meno.

Andiamo a scoprirle assieme.

SEZIONE 1 – INFORMAZIONI GENERALI 1

In questa sezione, posizionata nella parte superiore, troverai indicate diverse informazioni che verranno in parte e in forma diversa, replicate in altre sezioni della Planimetria Catastale, ovvero:

  • le informazioni relative alla pratica catastale, comunemente chiamata Docfa, cui la Planimetria è allegata:
    • dichiarazione di protocollo numero
    • data di approvazione
    • comune in cui si trova l’unità immobiliare
    • indicazioni toponomastiche
  • gli identificativi catastali dell’unità immobiliare:
    • sezione
    • foglio
    • particella
    • subalterno
  • i dati del Tecnico che ha presentato la pratica Docfa

SEZIONE 2 – DATI DELLA RICHIESTA

In questa sezione, posizionata nella parte inferiore, vengono riportati i dati relativa alla richiesta con cui si è entrati in possesso della Planimetria Catastale ed alcune informazioni grafiche, ovvero:

  • informazioni varie relative alla richiesta:
    • data
    • numero richiesta
    • codice fiscale del Tecnico richiedente
  • informazioni grafiche:
    • totale delle Planimetrie richieste
    • formato di acquisizione, o scansione, della Planimetria
    • formato di stampa richiesto (sono disponibili i formati A3 e A4)

SEZIONE 3 – INFORMAZIONI GENERALI 2

Come già anticipato, questa sezione riporta in parte alcune delle informazioni presenti nella sezione 1 (le informazioni sulla località e la via e gli identificativi catastali), per cui ci limitiamo ad indicare quelle esclusive di questa sezione, ovvero:

  • con la dicitura “situazione al” si certifica lo stato della Planimetria Catastale ad una specifica data
  • nel caso di unità immobiliari in condominio e se presenti, vengono riportate le informazioni relative al piano, all’interno e alla scala

SEZIONE 4 – INFORMAZIONI DI SCALATURA

Questa è un’informazione davvero importante perché ci indica un valore di scala che permette di ricavare delle misure dalla Planimetria Catastale.

Generalmente, la scala con cui viene disegnata una Planimetria Catastale è di 1:200, per cui una volta stampata potremo ricavare delle misure corrette sapendo che 1 centimetro del righello corrisponde a 2 metri nella realtà.

Normalmente, per qualsiasi esigenza di progettazione, la Planimetria Catastale viene importata come immagine o pdf nei vari programmi CAD (come Autocad) già nel formato di scala con cui è stata disegnata, permettendoci di progettare senza preoccuparci di fare ulteriori ragionamenti sulle misure.

SEZIONE 5 – IL GRAFICO

Decisamente la sezione più importante di tutte. Qui troviamo rappresentata graficamente ed in scala, la nostra unità immobiliare.

Vengono anche riportate le informazioni relative a:

  • posizione dei locali principali
  • altezza dei locali
  • le altre unità immobiliari confinanti con la nostra
  • indicazione delle parti comuni
  • presenza di affacci, con indicato verso dove (generalmente uno spazio interno o una via)

E' proprio in questa sezione che bisognerà verificare la presenza o meno di difformità catastali.

Che si vogliano iniziare dei lavori di ristrutturazione o che si stia comprando o vendendo un'unità immobiliare, bisognerà sempre verificare che la grafica riportata sulla Planimetria Catastale sia conforme allo stato di fatto.

Per maggiori informazioni consulta questo post -> La Difformità Catastale

Condividi sui social: